Tag

, ,

È sparito un caccia F-16 statunitense, partito dalla base di Aviano e che ha fatto perdere le sue tracce ieri sera mentre sorvolava l’Adriatico.

F-16 in volo

L’ipotesi è che il velivolo sia precipitato in mare, al largo delle coste della Romagna.

Le ricerche vanno avanti senza sosta dalle 20 di ieri sera, quando c’è stata l’ultimo contatto con la torre di controllo. L’aereo stava partecipando a una esercitazione insiema ad altri tre caccia, ma ad un tratto ha segnalato un problema non meglio identificato ed è sparito dai radar. Uno degli altri piloti ha ricevuto il “mayday”, ma non è riuscito a vedere la traiettoria di caduta. La Capitaneria di Porto di Ravenna si sta concentrando in un’area a circa 10 miglia a largo di Cesenatico con motovedette, rimorchiatori, un aereo della Guardia costiera e un elicottero dell’Aeronautica militare.

Tracce di carburante sono state ritrovate nel tratto di mare tra Lido di Savio e Cervia, nel ravennate, proprio dove l’11 febbraio 2010 era caduto un F-16 italiano. Allora il pilota si era salvato lanciandosi con il paracadute ed era stato recuperato, in buone condizioni di salute, da un motopeschereccio. Nella stessa zona sono stati recuperati nella notte alcuni frammenti di carbonio che potrebbero appartenere al velivolo. A complicare le ricerche c’è anche una lieve foschia: per il momento non c’è nessuna traccia del caccia, né del militare. Si teme, inoltre, che “il guasto sia stato talmente improvviso e grave da non dare al pilota il tempo di reagire e di azionare il dispositivo che permette di eiettarsi”

 

ilgiornale.it